SHARE

Risvegliarsi d’estate e appena svegli , andare in terrazzo e sgranchirsi esponendosi al sole. Un gesto naturale dove la nostra volontà c’entra molto poco. Un gesto in realtà vecchio di milioni di anni e di cui il nostro corpo ha assoluto bisogno. È ormai risaputo che la luce del sole, soprattutto quella del mattino, migliora l’umore. Perché vi chiederete?

i suoi raggi favoriscono l’attivazione del sistema neuroendocrino e dell’asse ipotalamo- ipofisi-tiroide-surrene, bloccando la produzione di melatonina ( utile per il sonno ma non per il risveglio) che a sua volta agisce sui recettori della serotonina implicata nella regolazione del tono dell’umore.

Ecco che un bel bagno di luce solare ci fa sentire subito di buon umore, perché in realtà stiamo producendo fiumi di serotonina.

Ma non finisce qui. Il rigenerante bagno solare è richiesto dal nostro corpo anche per un altro. Fondamentale motivo: produrre Vitamina D.

Questa vitamina è davvero essenziale per la nostra salute e benessere

La vitamina D è importantissima per la mineralizzazione delle ossa, viene sintetizzata direttamente dal nostro organismo in parte attraverso la dieta ma soprattutto per effetto dei raggi solari.

Per essere efficace ed esercitare le sue proprietà deve subire una serie di modificazioni ed essere trasformata nella sua forma biologicamente attiva, chiamata calcitriolo.

La vitamina D è essenziale per regolare l’assorbimento di calcio e fosforo a livello intestinale, la deposizione di calcio a livello del tessuto osseo, quindi nel mantenimento in buono stato delle ossa, dei denti e della normale funzione muscolare, inoltre è un’importante alleato del sistema immunitario, assicurarsi livelli adeguati, può aiutare a proteggersi durante i mesi freddi.

Nei mesi invernali quando i raggi solari sono troppo deboli per produrre quantità adeguate di vitamina D3, si possono manifestare senso di fatica, sonno eccessivo e difficoltà nella concentrazione.

Le principali conseguenze della carenza di vitamina D sono il rachitismo, nei soggetti di giovane età e nei bambini,  l’osteomalacia e l’osteoporosi,  negli adulti.

Essenziale è questa vitamina soprattutto negli anziani, una grave carenza potrebbe portare in queste persone che normalmente conducono una vita casalinga e che quindi raramente di espongono al sole, il rischio di cadute e fratture dopo debolezza muscolare.

Deficit di vitamina D sono risultati associati in studi recenti a un maggior rischio di malattie cardiovascolari, diabete e declino cognitivo in età avanzata. La IOF , Fondazione internazionale per l’osteoporosi ha redatto una mappa mondiale per la carenza di Vitamina D da cui si evince che l’88%! della popolazione mondiale soffre di carenza e per l’Italia, nonostante sia il paese del sole, l’80%, si hai letto bene l’ottanta per cento,   e’ sotto i limiti consigliati.

Vengono considerati sufficienti concentrazioni di vitamina D nel sangue superiori a 50ng/ml, e gli ultimi studi sembrano considerare corretti livelli intorno ai 70 ng/ml, mentre valori tra 30e 40 ng/ml corrispondono a situazioni di insufficienza e livelli < 20 ng/ml a stati di carenza.

Purtroppo per milioni di anni siamo vissuti nudi nelle savane assolate, assumendo cibi ricchi di nutrienti. Oggigiorno viviamo in case, indossiamo vestiti e ci esponiamo poco al sole, e infine mangiamo cibi industriali poverissimi di nutrienti. Certo possiamo aumentare il consumo di alimenti contenenti vitamina D come olio di fegato di merluzzo, vegetali a foglia verde etc ma la realtà ci dice che tutto il mondo occidentale vive una grave forma di carenza di vitamina D e sarebbe bene cominciare subito a integrarla.  E fare molta più vita all’aria aperta come i nostri avi di milioni di anni fa. Ne va della nostra salute.  MISURA SUBITO LA TUA VITAMINA D: nella nostra sede di Via Tuscolana 933 in dieci secondi con una semplice puntura al dito puoi verificare qual è il tuo livello di vitamina D plasmatica e spiegare il perché magari ti senti stanco e affaticato o hai altre manifestazioni di carenza.

D.SSA IRENE TORTORA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here